Nutrizione, Medicina estetica, Omeopatia

La Dott.ssa Biondani è medico chirurgo specializzata in Medicina Sistemica, Nutrizione, Medicina Estetica e Omeopatia.

• Effettua Educazioni alimentari personalizzate (anche in abbinata ad integratori omeopatici)

• Utilizza MRT, Mesoterapia Omeopatica e Genoterapia per trattamenti viso e corpo

studio medico poliambulatorio Noventa Vicentina Dott.ssa Elisa Senno

Chiara Biondani

Nutrizionista, Medicina Estetica, Omeopata

Nutrizione e medicina sistemica

La Medicina Nutrizionale Sistemica si pone l'obiettivo di condurre il paziente al miglior equilibrio psico-fisico possibile valutandolo nella sua globalità, utilizzando le molteplici opportunità terapeutiche della Medicina Biologica Naturale a supporto di una corretta impostazione alimentare, calibrata e personalizzata sul paziente in base agli obbiettivi che si vogliono raggiungere e/o alle patologie presenti.

Come Medico utilizzo terapie naturali integrabili e sinergiche tra loro, mirate a trattare e riequilibrare il paziente in risposta alle esigenze emerse durante la visita medica. Utilizzo l’OMEOPATIA come terapia di fondo, di sostegno e di drenaggio, l’Omotossicologia, la Fitoterapia, le terapie macromolecolari (vitamine, sali minerali, acidi grassi essenziali) e micromolecolari, probiotici e prebiotici specifici per riequilibrare la flora intestinale. Quest’ultima, infatti, gioca un ruolo molto importante per il nostro equilibrio psicofisico e per la nostra salute.

Chiamaci per un appuntamento, i nostri professionisti sono qui per te.

Dott.ssa Chiara Biondani

EDUCAZIONE ALIMENTARE personalizzata per:

  • Sovrappeso e obesità
  • Intolleranze
  • Disturbi gastrointestinali (gonfiore addominale, diarrea e stipsi, colon irritabile, colite, gastrite, reflusso gastroesofageo …)on agonista
  • Allergie
  • Dermatiti
  • Cistiti e vaginiti
  • Cefalea
  • Osteoporosi
  • Menopausa
  • Patologie autoimmuni (fibromialgia, artriti, diabete, celiachia…)
  • Patologie cronico-degenerative (artrosi, sostegno nel paziente oncologico, stati infiammatori cronici…)
  • Stress cronico (insonnia, ansia, stanchezza cronica, depressione…)
  • Lo sportivo agonista e non agonista

Utilizzo l’MRT, una terapia di biorisonanza e di rigenerazione e drenaggio della matrice extracellulare, come possibilità terapeutica in associazione alla corretta impostazione alimentare, con funzione:

  • Disintossicante
  • Drenante
  • Tonificante e rassodante
  • Di stimolo metabolico
  • Antinfiammatoria
  • Antalgica

Per:

        • Dimagrimento sistemico
        • Trattamento della cellulite e di adiposità localizzate (addome, fianchi, glutei, cosce e braccia)
        • Linfodrenaggio
        • Trattamento dell'infiammazione sistemica (lombalgie ecc.).

MEDICINA ESTETICA NATURALE (MESOTERAPIA OMEOPATICA, MRT e GENOTERAPIA):

Effettuo trattamenti di MESOTERAPIA OMEOPATICA (microiniezioni sottocutanee di cocktail omeopatici), in sinergia agli altri trattamenti, per:

  • Il trattamento di cellulite e adiposità localizzate;
  • Come stimolo metabolico;
  • In terapia antalgica.

Medicina Estetica Naturale

  • Attraverso l’utilizzo delle sopra citate terapie con l’Mrt e con Mesoterapia Omeopatica, utilizzabili singolarmente o in sinergia tra loro a seconda dell’analisi effettuata in ambulatorio effettuo:
      • Trattamenti corpo per adiposità localizzate e cellulite;
  • Utilizzo la GENOTERAPIA, un sistema studiato per contrastare e prevenire l'invecchiamento cutaneo costituito da un dispositivo medico biorivitalizzante che veicola dei dermoattivi specifici costruiti sulla base dell'analisi del DNA (da prelievo di saliva) i quali permettono la massima efficacia del trattamento per inestetismi di:
      • Viso
      • Collo
      • Décolleté
      • Mani
  • Esegue protocolli specifici per la rivitalizzazione del viso, trattamento di rughe, acne, macchie cutanee, cicatrici, inestetismi e calvizie.
Chiamaci per un appuntamento, i nostri professionisti sono qui per te.

Cos'è La Medicina Estetica?

Per medicina estetica si intende, in senso generico, quella branca della scienza medica che si prefigge il compito di individuare, correggere o rimuovere tutto ciò che viene percepito come un inestetismo, ovverosia quel qualcosa che sia tale da risultare sgradevole o esteticamente non soddisfacente per il soggetto interessato.

Conseguenza diretta di questo tipo di interventi non sarà quindi solo la rimozione o la correzione dell’inestetismo in quanto tale, ma anche un complessivo miglioramento della salute psicofisica del paziente, oltre che di una maggiore e più ferma fiducia in sé stesso e nel suo aspetto esteriore.

Oltre a questo, la medicina estetica prevede di inquadrare dei programmi mirati per ogni singolo paziente, concepiti e rivolti ad attenuare e ritardare il più possibile il naturale e non reversibile processo di invecchiamento, non solo cutaneo ma dei tessuti in genere.

Il postulato su cui poggia la medicina estetica è quello secondo cui non è sufficiente l’assenza di malattie perché si possa parlare di salute, ma è anzi necessaria una ideale armonia, un delicato equilibrio psichico, fisico ed estetico perché il paziente possa non solo stare bene, ma sentirsi bene, con sé stesso e in mezzo agli altri.

Ciò nondimeno, sarebbe erroneo pensare alla medicina estetica come una pratica meramente correttiva di difetti ed imperfezioni. Un grosso ruolo in questo campo lo gioca infatti la prevenzione, ovverosia tutta quella progettualità messa in campo dai professionisti perché non sia necessario intervenire in senso invasivo, monitorando con cura l’evoluzione dello stato del paziente per poter intervenire prima che possa venire in essere una situazione problematica o foriera di ansie o disagi sociali.

 Tra gli inestetismi più frequenti cui la medicina estetica si trova a porre rimedio possono annoverarsi l’acne, le rughe, le smagliature, la cellulite o l’adiposità localizzata.

la nutrizione

La conoscenza, la padronanza e la conseguente valutazione del rapporto tra l’alimentazione e i bisogni nutritivi ed energetici del corpo umano è la materia di cui si occupano i nutrizionisti.
L’alimentazione e la nutrizione dell’individuo sono tematiche di enorme importanza, sia nell’ottica della diagnosi e della cura di eventuali disturbi a livello alimentare sia - in particolar modo - in tutto ciò che è rivolto alla prevenzione dell’insorgenza di tali criticità.

Compito del nutrizionista è appunto il conoscere, valutare e se necessario correggere eventuali strappi nel fitto rapporto tra alimentazione e benessere psicofisico del singolo individuo. La nutrizione, infatti, è quell’insieme di processi biologici cui si può far risalire il benessere, lo sviluppo, l’integrità e la sopravvivenza di un organismo vivente.

Proprio in virtù della cruciale importanza che questa branca della scienza ricopre, il ruolo di un nutrizionista sarà non meno fondamentale per l’equilibrio ed il benessere del paziente. È ben noto come diete particolarmente ricche o, al contrario, eccessivamente severe, o piuttosto l’abuso di determinate sostanze o cibi possano pregiudicare in breve tempo lo stato di salute del corpo umano, con il conseguente insorgere di patologie come ad esempio il diabete, l’osteoporosi e tutte le varie malattie cardiovascolari.

Se il brocardo “l’uomo è ciò che mangia” è quantomeno risalente, la stretta correlazione tra la salute e l’alimentazione è nota sin dai tempi antichi della medicina galenica e la grande importanza che una corretta alimentazione ricopre non risulta affatto diminuita anche trasposta ai giorni nostri, al contrario, l’adozione di regimi alimentari bilanciati e regolari, accompagnata a stili di vita salubri, è stata determinante nell’allungamento sensibile della speranza di vita registratosi nel mondo occidentale negli ultimi 40 anni.

L’ Omeopatia

L’omeopatia risulta senz’altro la più diffusa e celebre tra le cosiddette medicine non convenzionali. Essa si basa su una sorta di ribaltamento delle comuni equazioni alla base della medicina scientifica, ipotizzando sia necessario non tanto concentrarsi sulla malattia, quanto piuttosto sul malato in sé, sul paziente.

Secondo i principi dell’omeopatia, sono elementi cardine l’energia vitale dell’organismo e il cercare di ristabilire un equilibrio delle caratteristiche iniziali, irrimediabilmente sconvolto dalla malattia che si ritiene sia appunto causata da uno scompenso nell’energia vitale dell’individuo. Di per sé, l’azione omeopatica si basa sulla somministrazione di sostanze simili all’agente esterno cui si fa risalire la patologia o lo squilibrio.

In questo modo, si ritiene di poter stimolare l’organismo ad avere una spontanea reazione immunitaria, tale da poter sia sconfiggere la malattia in essere che prevenirne l’insorgere ulteriore. Di norma, l’omeopatia viene utilizzata come cura complementare, che può cioè venire eventualmente affiancata a delle terapie mediche propriamente dette, con lo scopo di predisporre al meglio il paziente all’azione dei farmaci regolarmente prescrittigli dai medici.

L’azione dei rimedi omeopatici, infatti, può talora migliorare nel complesso le condizioni generali del paziente, pur non potendosi in ogni caso sostituire alle terapie farmacologiche o ad altre prescrizioni mediche. L’omeopatia mira anche a stabilire un forte legame con il paziente da un punto di vista caratteriale ed emotivo, portando talora ad un complessivo miglioramento delle condizioni generali del paziente e della sua recettività alle cure convenzionali.

L’individualizzazione del paziente è infatti al centro dei principi cardine dell’omeopatia, che conferisce una grandissima importanza alla capacità di creare legami e rapporti umani che possano facilitare e rendere all’occorrenza persino più efficaci le cure cui il malato è sottoposto. In ogni caso, le pratiche omeopatiche sono da ricondurre sempre e comunque nel novero della medicina alternativa - tutt’ al più complementare - e in nessun caso potranno risultare sostitutive di farmaci, prescrizioni o terapie mediche.